Verona, migliaia di persone contro le idee del Congresso della Famiglia



Oltre 20mila persone, secondo una stima delle forze dell’ordine, sono scese in piazza oggi pomeriggio a Verona in risposta alle idee medievali promosse dal Congresso Mondiale delle Famiglie e dai suoi partecipanti.

Nel giorno in cui anche il Ministro dell’Interno Matteo Salvini prenderà parte al discusso evento, migliaia di persone sono giunte a Verona da tutta Italia in autobus e in treno per contrastare il clima d’odio sempre più diffuso nel nostro Paese e per difendere i diritti delle donne e dei cittadini omosessuali, messi in discussione da molti dei partecipanti al Congresso di Verona.

La manifestazione, organizzata dall’associazione Non Una di Meno, ha visto la partecipazione anche delle Famiglie Arcobaleno, il Partito Radicale, l’Arcigay e i Verdi. Tra le personalità presenti all’evento, che in questi ultimi giorni si sono spese per promuovere la manifestazione e attaccare il ritrovo conservatore di Verona, c’erano anche l’ex Presidente della Camera Laura Boldrini, l’ex Ministro Livia Turco e Susanna Camusso.

Laura Boldrini, intervenuta contro il Congresso, ha attaccato in modo aperto il senatore leghista Simone Pillon, intenzionato a riformare il diritto di famiglia con un discusso disegno di legge:

Il disegno di legge Pillon prevede che una donna debba fare la mediazione con chi la picchia. È una cosa allucinante che va contro la Convenzione di Istanbul. L’on. Pillon è un mediatore, quindi c’è un grandissimo conflitto di interesse. Bisogna fare comitati contro la legge Pillon. Poi c’è l’ultima perla, di Gasparri, con il riconoscimento della personalità giuridica dell’embrione. Una proposta che vuole certificate come assassine le donne.


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin