Una comune agricola alle porte della città



Mi sembrate animali abbandonati in pascoli abusivi». Così un ragazzo disabile della comunità di Capodarco descrive Matteo Amati e i suoi compagni della cooperativa di Castel di Decima, alle porte della Capitale. Sul sito internet della cooperativa, «Agricoltura Nuova», si possono vedere anche le foto di questi animali. La didascalia, accanto all’immagine che ritrae la marcia per l’occupazione delle terre del 2 luglio 1977, spiega: «la cooperativa nasce per iniziativa di un gruppo di giovani disoccupati, braccianti e contadini con … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin