Un sindaco manager per rifare il ponte della disgrazia. Chi è Bucci


Un sindaco manager per rifare il ponte della disgrazia. Chi è Bucci

Foto: comune.genova.it 


Marco Bucci 




A 50 giorni dal crollo a Genova il commissario per la ricostruzione ha un nome e un cognome: Marco Bucci, sindaco della città ligure. È stato preferito da Palazzo Chigi al manager Claudio Andrea Gemme e al direttore scientifico dell’Istituto Italiano della Tecnologia Roberto Cingolani.

I genovesi hanno anche una scadenza: 12-16 mesi per vedere cosa sostituirà il viadotto crollato. Non è molto, ma è un punto di partenza.

L’uomo che promette faville

Bucci, già soprannominato scherzosamente “l’uomo dei miracoli” dopo aver vinto alle elezioni del 2017 la poltrona di palazzo Tursi ponendo fine a decenni di governo di centrosinistra, è un sindaco-manager con esperienze in diverse aziende, da 3M, importante multinazionale statunitense, a Carestream Health Inc (colosso americano del settore dell’imaging medicale e dentale, dalla Eastman Kodak Company (lo storico marchio della fotografia) alla SGS (azienda svizzera di ispezione e certificazione).

La scelta è stata salutata con favore da maggioranza e opposizione anche se da quest’ultima con qualche accento critico. “Buon lavoro al sindaco Marco Bucci, tutta Italia tifa per una Genova sempre più bella”, ha scritto il ministro dell’Interno Matteo Salvini su Twitter.

“Credo – ha fatto eco Toti – che sia stata scelta la persona che ragionevolmente ha in mano la situazione per una ricostruzione in tempi brevi”, ma la “vittoria vera sarà quando il ponte sarà ricostruito perché i cittadini non giudicheranno il nome del commissario ma se la politica manterrà le promesse, altrimenti saremmo giudicati dei cialtroni”. “Abbiamo sempre detto che secondo noi le due figure più rappresentative e adeguate a ricoprire questo incarico erano il presidente della Regione Giovanni Toti e il sindaco di Genova Marco Bucci, e quindi la nomina di quest’ultimo a commissario è una buona notizia. Si è scelta una persona che può sicuramente fare la differenza in positivo”. Ha detto la leader di FdI Giorgia Meloni.

“Dopo quasi due mesi dalla caduta del ponte Morandi il governo ha (forse) individuato il commissario per la ricostruzione. Mi pare una scelta ragionevole. Buon lavoro al sindaco Bucci. Potrà contare, se lo riterrà, sulla mia collaborazione, ha sostenuto Andrea Orlando, del Pd. “Una scelta ovvia che doveva essere attuata dal primo momento – aggiunge Raffaella Paita, sempre dei dem -perchè in qualità di sindaco conosce le esigenze e i disagi della nostra città. Allora perchè si è perso tempo prezioso per scontri di potere tra M5s e Lega e tra governo e istituzioni locali?”.

Il sindaco manager

Bucci è un sindaco-manager: nato a Genova il 31 ottobre del 1959, sposato e con figli, ha un passato da boy-scout. Dopo aver frequentato il liceo ginnasio Andrea Doria, si laurea con lode nel 1985 in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche presso l’ateneo genovese. Prima di entrare a lavorare per la 3M, importante multinazionale statunitense, completa il suo percorso formativo specializzandosi negli States, nelle Università di Minnesota e Michigan, ma anche all’IMD di Losanna in Svizzera.

La carriera da manager si sviluppa poi prevalentemente all’estero, ricoprendo la carica di presidente della Carestream Health Inc (colosso americano del settore dell’imaging medicale e dentale, ndr), CEO della Eastman Kodak Company (lo storico marchio della fotografia) e vicepresidente di SGS (azienda svizzera di ispezione e certificazione dove si affermò Sergio Marchionne prima di passare in Fiat).

Un sindaco manager per rifare il ponte della disgrazia. Chi è Bucci

 Afp

 Marco Bucci, sindaco di Genova

Dall’ottobre 2015 al giugno 2017, chiamato dal governatore Giovanni Toti, ricopre il ruolo di amministratore delegato di Liguria Digitale. Incarico abbandonato dopo l’elezione a sindaco di Genova tra le fila del centrodestra.

C’è un progetto che non gli dispiace

“A me il progetto di Renzo Piano piace molto. Non so quale sarà il ruolo di Autostrade, faremo richiesta ad alcune aziende per partecipare e vedremo chi parteciperà”, ha subito detto, “”Il mio sarà un compito bello e gravoso. Il tratto distintivo del mio ruolo? Avere un ponte”. La città non è disposta ad aspettare all’infinito.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin