Un poliziotto ha sparato in aria per liberarsi dall’assedio di 50 rom


poliziotto spara rom

 wikipedia.org


 Polizia di Stato



Una cinquantina di persone ha circondato una pattuglia della polizia, durante il controllo di un giovane rom, chiedendone la liberazione. Per allontanare la folla un agente di polizia ha sparato un colpo in aria con la pistola di ordinanza.

E’ successo a Torino, dove personale della Squadra Volante impegnato in servizio di controllo del territorio ieri sera nel quartiere Madonna di Campagna, ha notato uscire da un parcheggio una Fiat Punto, che procedeva a fari spenti e a velocità sostenuta in direzione fuori città.

Insospettiti dalla condotta di guida del conducente, gli agenti hanno intimato l’alt per procedere ad un controllo ma, incurante dell’ordine impartito, il giovane alla guida ha aumentato l’andatura e proseguito in strada dell’Aeroporto, giungendo in prossimità del campo nomadi.

Il conducente, ormai raggiunto, ha così tentato un’ultima manovra pur di sottrarsi al fermo, sterzando di colpo e speronando la Volante, ma finendo cosi’ la propria corsa. Gli agenti sono quindi riusciti a bloccare il giovane, 17 anni, residente in strada dell’Aeroporto, nonostante un vivace tentativo di resistenza. Con lui, in auto, 2 ragazze minorenni, di 17 ed 11 anni, anch’esse residenti nel medesimo campo nomadi.

Durante le fasi del fermo, il giovane rom ha chiesto aiuto, urlando, ai suoi connazionali presenti nel campo. Un folto gruppo di persone, circa 50 soggetti, è così accorso con fare minaccioso chiedendo la liberazione dei fermati. In considerazione del momento, un agente di polizia ha esploso a scopo precauzionale un colpo in aria con la pistola d’ordinanza, riuscendo a far arretrare la folla.

Accompagnato in Questura, è stato appurato che il giovane aveva appena commesso un furto all’interno di un cantiere nell’area di parcheggio di Corso Grosseto. All’interno dell’auto è stato infatti ritrovato come refurtiva, numeroso materiale legnoso. Il diciassettenne è stato denunciato per resistenza e furto aggravato.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin