Un duetto nella malinconia dello spazio



Non un film di fantascienza, ma un film carcerario. Così Claire Denis, nella conferenza stampa a seguire la proiezione del film, ha descritto High Life, rispondendo a chi le chiedeva come è stato, per una regista abituata a lavorare «saldamente coi i piedi sulla terra», dirigere una storia tutta ambientata nello spazio. «Non pensavo allo spazio, e certamente non all’idea della sua conquista. Non potrei mai. Per me quest’astronave è una prigione, la più inespugnabile, remota, che si possa immaginare». … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin