Un corazziere nero ha accolto gli ospiti nella giornata contro il razzismo


corazziere nero



Ha ventinove anni e da ventotto vive in Italia. Nato in Brasile, adottato a un anno insieme alla sorellina da una coppia siciliana e divenuto quindi cittadino italiano, N.T. è il primo corazziere nero al Quirinale. Un anno e mezzo fa era nel picchetto d’onore che ha accolto Papa Francesco durante la visita a Sergio Mattarella. Giovedì era sullo scalone d’onore del Quirinale a porgere il suo ‘attenti’ agli ospiti per il Giorno della memoria, la cerimonia con cui si ricorda la liberazione dei deportati ad Auschwitz.

In piedi come da cerimoniale, dall’alto del suo metro e 96, ha visto sfilare sotto i suoi giovani occhi reduci dai campi di concentramento e studenti che hanno visitato i lager, esponenti della Comunità ebraica ed esponenti del governo Giallo-verde, dal premier Giuseppe Conte ai viceministri Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Quest’ultimo, poco prima della cerimonia, aveva voluto rispondere alle critiche di politici e follower, con un tweet: “Chi accusa me o la Lega di razzismo non ha capito nulla”. “Ringrazio i tanti immigrati regolari e perbene, che sono in questo Paese, che rispettano la storia e la cultura di questo Paese, che pagano le tasse, che mandano i figli a scuola, che fanno un lavoro onesto e che sono italiani quanto me”. “Io – ha spiegato – voglio un paese aperto, apertissimo per chi porta rispetto e porta cultura, valori, tradizioni. Ma chiuso per i trafficanti di uomini, di droga, di armi”.

Il monito del Colle

Nel suo discorso per ricordare la Shoah, il presidente della Repubblica ha messo in guardia da rigurgiti di razzismo e di nazionalismo esasperato. Accanto al “dovere della memoria” c’è il dovere di vigilare e combattere “ogni focolaio di odio, di antisemitismo, di razzismo” e soprattutto “di indifferenza”, perché il male che portò allo sterminio nazista è un “virus micidiale” che si annida ancora oggi nelle nostre società ed è “pronto a risvegliarsi”. Alla fine poco importa se la presenza del giovane corazziere di colore, italianissimo, sia stato un caso voluto dal meccanismo della turnazione del reggimento dei Corazzieri o una scelta per parlare agli italiani. Al Quirinale assicurano che si sia trattato di un caso.

Il reggimento è una forza specializzata dell’Arma dei Carabinieri a cui si arriva dopo una selezione rigidissima che prevede anche l’esame di requisiti disciplinari e morali oltre che il superamento di un addestramento durissimo. Ogni cittadino, “senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” può aspirare a divenire Corazziere. Il messaggio è arrivato con una foto dal palazzo della prima e più alta istituzione italiana, ed è quella la cosa più importante.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin