Un americano ha attraversato da solo a piedi l’Antartide in 54 giorni


Americano attraversa Antartide solo


Un americano ha concluso la prima traversata dell’Antartico in solitario e senza assistenza, dopo aver percorso 1.600 chilometri in 54 giorni.

Colin O’Brady, un ex atleta professionista di 33 anni, è stato seguito con il GPS e dettagli della sua avventura sono stati pubblicati ogni giorno sul suo sito web .

Equipaggiato con sci da fondo, ha trainato la sua pulka, una specie di slitta che trasportava tutte le sue provviste e attrezzature, per un peso totale di 180 chili.

Nel 1996-1997, l’esploratore norvegese Borge Ousland era stato il primo a traversare l’Antartide da solo, ma aveva l’aiuto di un un parafoil (un aquilone simile a un parapendio). Altri avventurieri sono stati forniti lungo la strada, ma non tutti sono arrivati al traguardo.
Il tenente colonnello britannico Henry Worsley morì nel 2016 cercando di attraversare l’Antartide da solo e senza assistenza. Altri si sono dovuti arrendere e tornare indietro.

Il 3 novembre, anche Colin O’Brady e Louis Rudd, un soldato britannico di 49 anni, hanno tentato l’avventura. Sono partiti insieme dal campo di Union Glacier e poi hanno seguito strade diverse. L’inglese ha un tempo di gara migliore ma alla fine è l’americano che ha tagliato il traguardo per primo.

Passato dal Polo Sud il 12 dicembre, Colin O’Brady ha terminato il suo viaggio oggi sulla barriera di Ross sull’Oceano Pacifico. Louis Rudd è un giorno o due dietro di lui. Durante la colazione di Natale, O’Brady ha deciso di coprire gli ultimi 125 chilometri in una volta sola.

“Mentre facevo bollire l’acqua per il mio porridge, è sorta una domanda quasi impossibile”, ha scritto su Instagram: “Posso fare tutta una tirata e farla tutta in una volta fino alla fine?. Mentre mi stavo allacciando gli scarponi, questo piano impossibile era diventato un obiettivo concreto”. Trentadue ore e 30 minuti dopo, senza dormire, è arrivato a destinazione.

Il New York Times descrive la sua impresa come “una delle più straordinarie nella storia polare”, rispetto alla “corsa per il Polo Sud” che oppose il norvegese Roald Amundsen al britannico Robert Falcon nel 1911.

Colin O ‘Brady non è al suo primo record. Nel 2016, ha scalato le vette più alte dei sette continenti, tra cui l’Everest, in 132 giorni, diventando così il più veloce “scalatore dei sette vertici”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin