«Tutti per Aria»: a Terni dieci giorni dedicati alla salute di grandi e piccoli


Fra l’ambiente in cui viviamo e la nostra salute esiste un legame indissolubile e complesso. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanit nove persone su dieci nel mondo sono esposte agli effetti nocivi dell’inquinamento, che causa ormai riconosciuta di malattie cardiovascolari, respiratorie, oncologiche. Ecco perch Fondazione Umberto Veronesi, con il sostegno di Fondazione Carit, ha ideato e organizzato “Tutti per Aria. Dieci giorni dedicati alla salute di grandi e piccini”, un ciclo di eventi a Terni che, dal 21 al 30 settembre, coinvolger cittadini (adulti e bambini), scienziati e giornalisti, per discutere di stili di vita, cibo, aria, acqua, suolo e aree verdi. La rassegna, realizzata nell’ambito del progetto “Parliamo di Scienza con Fondazione Umberto Veronesi grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni”, che ha il patrocinio del Comune di Terni, sar l’occasione per trattare il tema dell’inquinamento ambientale, per migliorare la sensibilit e il livello di informazione sul tema, ma anche per fare chiarezza sui rischi e le possibili soluzioni.

Il manuale

Ricco il programma degli appuntamenti, con iniziative all’aria aperta all’insegna dello sport e del verde, incontri con esperti, laboratori educativi per bambini e ragazzi. Durante l’evento sar presentato il manuale “Inquinamento e salute” di Fondazione Umberto Veronesi, uno strumento che si propone di fornire risposte chiare, esaurienti e rigorose sul piano scientifico alle domande pi comuni in tema di inquinamento sul luogo di lavoro, in casa e all’aperto. Il manuale sar scaricabile gratuitamente dall’area download del sito www.fondazioneveronesi.it a partire dal 1 ottobre.

Prevenzione

La Fondazione Umberto Veronesi si impegna da quindici anni per finanziare la ricerca scientifica d’eccellenza e diffondere la cultura della prevenzione. Abbiamo ritenuto urgente e necessario affrontare un tema complesso come l’inquinamento – ha spiegato Paolo Veronesi, presidente della Fondazione -. Sappiamo che le sostanze presenti nell’ambiente influiscono sulla nostra salute, possono contribuire a farci vivere meglio o, al contrario, arrecare danni gravi. Quasi un quarto dei decessi al mondo sono legati all’inquinamento: un peso enorme, che per possiamo attenuare e prevenire, in primo luogo attraverso la conoscenza di cosa, dove e in quale modo pu aumentare il nostro rischio di ammalarci. un obiettivo tutt’altro che semplice, in un ambito in cui spesso allarmi e indifferenza si alternano senza una logica apparente. La scienza gioca un ruolo fondamentale e Tutti per aria un’occasione di incontro, informazione e dibattito per i cittadini e per chi ha il compito di prendere decisioni cruciali per la salute di tutti.

I vincitori

Nel corso della rassegna saranno premiati i vincitori del primo premio giornalistico Fondazione Umberto Veronesi su “Inquinamento e salute”. La giuria, presieduta da Pier Mannuccio Mannucci, professore emerito di Medicina interna dell’Universit Statale di Milano, ha deciso di premiare Daniela Cipolloni, per il servizio “Polveri killer” andati in onda su “Petrolio” (Raiuno) il 15 giugno 2017. La motivazione: il lavoro affronta il tema dell’inquinamento da polveri con un linguaggio al contempo chiaro e rigoroso; ne racconta l’impatto, anche nei suoi aspetti meno scontati, con grande forza comunicativa, senza perdere di vista la necessit di dare allo spettatore gli strumenti per comprendere le informazioni scientifiche e per interpretare l’attualit sui temi ambientali. Il secondo premio stato assegnato a Elena Meli per gli articoli “Ripulire l’aria in casa riduce anche lo stress” e “Lo smog pu favorire la fibrosi polmonare”, pubblicati sul Corriere della Sera il 1 ottobre 2017 e il 4 febbraio 2018. La giuria ha poi deciso di riconoscere due menzioni speciali. La prima a Daniele Morgera, per il servizio “Quei campi sulla Via Pontina” trasmesso sul Giornale Radio Rai – Radio 1. La seconda menzione per Cristina Da Rold, con l’articolo “Inquinamento atmosferico e salute cardio-respiratoria: tre nuovi importanti studi”.

I giurati

La Giuria dell’edizione 2018 del Premio cos composta: presidente Pier Mannuccio Mannucci (professore emerito di Medicina Interna presso l’IRCCS Fondazione Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano), Sergio Harari (direttore dell’Unit Operativa Complessa di Pneumologia dell’Ospedale San Giuseppe di Milano), Luigi Ripamonti, (responsabile Corriere Salute – Corriere della Sera), Donatella Barus, (direttore del Magazine Fondazione Umberto Veronesi), Roberto Giovannini (FIMA / La Stampa), Franco Marchetti (presidente UNAMSI), Vincenzo Morgante (direttore Testata Giornalistica Regionale RAI), Federico Ferrazza (direttore Wired), Margherita Fronte (giornalista Focus). Per informazioni e registrazioni www.fondazioneveronesi.it, scrivere all’indirizzo eventi@fondazioneveronesi.it, o contattare il numero 373.7513121.

17 settembre 2018 (modifica il 17 settembre 2018 | 16:58)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin