Tra cantine ville, enoteche ad ognuno il suo jazz



Con gli anni il festival Jazz & Wine of Peace invecchia come un buon vino. Fin dal mattino sino a notte inoltrata tra cantine, ville, enoteche e il Teatro di Cormons ce n’è per tutti i gusti. Nessuna preclusione stilistica; ad ognuno il suo jazz. Si passa così dall’eleganza bluesy di John Scofield al jazz per hipsters del trombettista Avishai Cohen, dalla rilettura sanguigna dei blues del Delta e dei maestri del free degli ottimi Roots Magic a una superba … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin