Torna la Corolla, l’ibrida che arriva da lontano


Torna la Toyota Corolla: il mito venduto in oltre 45 milioni di esemplari dall’anno del suo debutto, il 1966. Sar il modello di punta della casa giapponese nel segmento C, al posto della Auris, ovviamente in versione ibrida. Due le motorizzazioni proposte (1.8 e 2.0 litri di cilindrata), due anche le carrozzerie che arriveranno in Italia a fine marzo (Hatchback e Touring Sports). La quarta generazione della piattaforma ibrida ha compattato e alleggerito le componenti, per risparmiare peso, spazio e guadagnare efficienza. Mentre il nuovo design ne ha ammodernato forme e allestimenti, quest’ultimi molto curati e gradevoli.

Mercato globale

La Corolla pensata per un mercato globale ma con un occhio particolarmente attento al pubblico europeo. In special modo per la versione famigliare, curata per intero dal team di Bruxelles. Entrambe le versioni sono realizzate sulla nuova piattaforma TNGA pensata nell’ottica dei migliori standard in fatto di sicurezza attiva e passiva. Ne beneficia anche la guidabilit, grazie al corretto bilanciamento dei pesi e alla taratura delle sospensioni, appena pi sostenuta nel caso della Hatchback e pi confortevole per la Touring Sports. Diverso anche il carattere dei due propulsori, pi tranquillo il 1.8 improntato al contenimento dei consumi, pi reattivo il 2.0, soprattutto ai medi regimi. Guidata con filo di gas in ogni caso un’auto comoda e silenziosa (grazie al lavoro svolto anche sugli attriti del motore), non sempre aiutata dal cambio che affondando l’acceleratore tende a trascinare con conseguente aumento della rumorosit meccanica. Ampia l’offerta dei sistemi di guida che comprende anche il rilevamento notturno dei pedoni e dei ciclisti (migliorabile per la definizione grafica del navigatore). Prezzi: a partire da 27.300 euro per la Hatchback e da 28.300 euro per la Touring Sports (escluse le offerte di lancio).

14 febbraio 2019 (modifica il 14 febbraio 2019 | 15:01)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina Ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Autore dell'articolo: admin