“Toninelli massacrato dai media? C’è Benetton dietro”


di battista che tempo che fa

Alessandro Di Battista, rientrato dal suo viaggio in America Latina, è stato questa sera ospite della trasmissione “Che tempo che fa”. L’ex parlamentare del Movimento 5 Stelle ha ribadito al conduttore Fabio Fazio di non volersi candidare alle elezioni europee, preferendo “aiutare da fuori” il vicepremier Luigi Di Maio e la sua squadra. “Il reddito di cittadinanza è una cosa che mi rende orgoglioso”, ha ammesso Di Battista, che sta comunque partecipando alla campagna elettorale per alcune elezioni locali. Quanto agli errori commessi dal Movimento, l’ex deputato pentastellato è sicuro: “Sono stati fatti al livello comunicativo. Penso al ministro Danilo Toninelli massacrato per una gaffe, ma pochi giorni fa ha bloccato l’aumento dei pedaggi”.

A proposito del ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, Di Battista ha poi dichiarato che secondo lui dietro la cosiddetta “macchina del fango” ci sarebbero i Benetton per via di quanto accaduto con Autostrade: “Ai cittadini interessa più questo che altro. Toninelli è stato massacrato dai media, ma per me dietro c’è la mano di Benetton. Non ho le prove, è la mia opinione e me ne assumo la responsabilità. Da quando ha parlato di revoca della concessione ad Autostrade è stato massacrato – insiste – . È il miglior ministro del governo”.

Di Battista: “Sondaggi lasciano il tempo che trovano”

Quanto agli ultimi sondaggi che danno la Lega nettamente avanti al Movimento 5 Stelle, con un sostanziale ribaltamento dei rapporti di forza rispetto alle elezioni del marzo scorso, Di Battista afferma: “Non è scontato che ci sia un ribaltamento delle forze che formano il governo. I sondaggi – conclude – lasciano il tempo che trovano, consiglio di guardarli poco”.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin