testa a testa tra Solinas e Zedda


Exit poll sardegna

Alessandro Serranò


Elezioni in Sardegna




Gli exit poll sul voto in Sardegna danno un testa a testa tra Christian Solinas, sostenuto da una coalizione di centrodestra e Massimo Zedda, che contava sull’apporto di una serie di liste di centrosinistra. Francesco Desogus sostenuto dal Movimento 5 Stelle, è pesantemente staccato.

Secondo gli exit poll del Consorzio Opinio Italia diffusi da RaiNews24, Solinas ha ottenuto ra il 37 e il 41% dei voti; Zedda tra il 36 e il 40% e Desogus tra il 13 e il 17%.

Leggi anche:SCome va l’affluenza

Tra le liste, netto vantaggio della coalizione del centrodestra, tra il 42% e il 46%, mentre il centrosinistra avrebbe tra il 28% e il 32%. Crollo del M5s tra il 14% e il 18%. Emerge che il voto disgiunto avrebbe nettamente premiato il candidato del centrosinistra.  Per gli altri partiti nazionali, il Pd avrebbe tra il 13% e il 17%, la Lega tra il 12% e il 16%, Forza Italia tra io 6% e il 10%, mentre Fdi avrebbe tra il 2,5 e il 5%. 

Chi è Christian Solinas

Undici sigle sostengono la  candidatura di Christian Solinas, 42 anni, segretario del Psd’Az, eletto senatore con la Lega il 4 marzo dell’anno scorso e sponsorizzato direttamente dal segretario e ministro dell’Interno Matteo Salvini. Per entrare a Palazzo Madama, Solinas si è dimesso da consigliere regionale. Da novembre, inoltre, è vicepresidente vicario della Commissione bicamerale d’inchiesta Antimafia. Dopo quattro anni – dal 2004 al 2008 – al vertice dell’Ersu di Cagliari, come presidente e per un periodo come commissario, nel 2009 è stato eletto consigliere regionale.

Nella XIV legislatura regionale è stato capogruppo sardista e anche assessore ai Trasporti della Giunta di centrodestra guidata da Ugo Cappellacci. Il suo nome è legato, tra l’altro, all’esperienza della cosiddetta ‘flotta sarda’, progetto avviato dalla Regione nel 2011 per collegare la Sardegna con la penisola a prezzi calmierati con due traghetti noleggiati tramite la controllata Saremar, poi fallita. L’operazione, bocciata dall’Ue, si chiuse nel 2012.

Solinas è sostenuto da Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, Partito sardo d’Azione, Lega Salvini Sardegna, Partito Uds-Unione dei sardi, Fortza Paris, Energie per l’Italia, Sardegna civica, Sardegna20venti-Tunis e Udc.

Chi è Massimo Zedda

Il sindaco metropolitano di Cagliari Massimo Zedda, 43 anni, è sostenuto dalla coalizione di centrosinistra Progressisti di Sardegna, formata da 8 sigle: Partito democratico della Sardegna, Campo progressista Sardegna, Liberi e uguali, Sardigna Zedda presidente, Cristiano Popolari socialisti, Progetto Comunista per la Sardegna, Sardegna in comune con Massimo Zedda, Noi la Sardegna con Massimo Zedda e Futuro comune con Massimo Zedda. Come Solinas, il candidato del centrosinistra ha una lunga esperienza politica. Dal 2011 è sindaco di Cagliari, rieletto nel 2016 al primo turno. È stato consigliere regionale, eletto con Sel nella XIV legislatura, nel 2009: si era poi dimesso per candidarsi a guidare il Comune capoluogo. È stato segretario cittadino della Sinistra Giovanile, poi ha militato nel Pds e nei Ds, ma non si è mai iscritto al Pd, preferendo aderire a Sel e poi al Campo progressista dell’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia, progetto poi concluso.

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin