Taglio pensioni 2019 | importi, aliquote e scaglioni reddito



Il taglio alle pensioni d’oro previsto dalla Legge di Bilancio 2019 prende il nome di contributo di solidarietà. Già previsto dal governo Letta (ma con effetti meno cospicui) il contributo di solidarietà prevede una sforbiciata ai trattamenti previdenziali superiori ai 100.000 euro lordi annui.

Come osserva il professor Mario Gronchi su Il Sole 24 Ore dopo che il ministro del Lavoro Luigi Di Maio per mesi aveva assicurato che sarebbero state ritoccate al ribasso solo le pensioni d’oro non giustificate dai contributi “è stata infine presa la decisione di tagliare senza distinzioni tutte quelle le pensioni dirette che superano i 100 mila euro l’anno” salvo quelle calcolate per intero con il metodo contributivo che in Italia è diventato realtà a partire dal 1995 (Riforma Dini).

Taglio pensioni d’oro, aliquote contributo di solidarietà

Il contributo di solidarietà sarà progressivo e avrà una durata quinquennale, dal 2019 al 2023. Il taglio delle pensioni prevede aliquote appunto differenziate a seconda degli scaglioni di reddito, in ossequio ai dettami della Consulta finalizzati al rispetto dei principi oltre che di progressività, di proporzionalità e ragionevolezza.

Quali sono le aliquote per gli scaglioni reddito previste? La prima è del 15% sugli assegni superiori a 100mila euro e fino a 130mila euro annui, la seconda è del 25% per le pensioni tra 130mila e 200mila euro, la terza è del 30% sulla fascia compresa tra 200mila e 350mila euro, poi c’è un’aliquota del 35% tra 350 e 500mila euro e l’ultima del 40% oltre i 500mila euro annui.

Il contributo di solidarietà si può portare in deduzione dal reddito Irpef e gli importi cresceranno nel corso del lustro di durata del contributo perché agganciati all’inflazione.

Assegni pensionistici d’oro esonerati dal taglio

Sono esonerate dal contributo di solidarietà le pensioni interamente calcolate con il sistema contributivo, quelle erogate agli invalidi, ai superstiti, alle vittime del dovere e del terrorismo. Un meccanismo di salvaguardia stabilisce che applicando il contributo di solidarietà, l’importo complessivo delle pensioni dirette non potrà essere inferiore a 100.000 euro lordi all’anno.

Contributo solidarietà 2019-2023 pensioni miste

Il contributo riguarderà anche le pensioni miste, con un taglio sulla quota complessiva, ovvero anche per la parte contributiva dell’assegno, ma qui si attendono ancora chiarimenti e più precise indicazioni da parte di Inps e dicastero del Lavoro.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin