Sulle aspre rive dell’Acheronte



A terra, c’è un morbido tappeto di foglie color ruggine. Il vento autunnale le scompiglia, guidandole in un vortice intorno alle rovine antiche, come fossero animate da soffi di fantasmi. Grandi uccelli rapaci attraversano il cielo terso: volteggiano verso le rupi del Tomaros che, da parte sua, buca le nuvole svettando per duemila metri. Era qui, in questa valle incastonata fra le montagne, adagiata nel cuore della Molossia e la Tesprozia, abitata fin dall’età del bronzo da belve e umani … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin