Strane amiche di una commedia virata sul noir



Con alle spalle Le amiche della sposa, due grossi successi con Melissa McCarthy (Corpi da reato e Spy) e il molto meno riuscito Ghostbusters al femminile, Paul Feig non è un George Cukor del terzo millennio, ma ha dimostrato un’apprezzabile capacità nella direzione delle attrici, buon istinto per la comicità fisica e un tocco light che nobilita anche le gag più iperboliche, volgari o potenzialmente umilianti (l’acquisto degli abiti da sposa di Le amiche della sposa, certi tour de force … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin