Storia collettiva fra orgoglio e discriminazioni



Si era capito subito che c’era di più del talento nel lavoro creativo di Mundruczó Kornél, quando il regista ungherese si era affacciato sulle scene europee con il disturbante Frankenstein-Project, una decina d’anni fa. E già si era cominciato a vedere i suoi film, subito premiati nei festival, come la cruda parabola familiare di Delta o la sinfonia di White God, che trasferivano su un altro mezzo la crudeltà del suo teatro. Imitation of life non è probabilmente il suo … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin