Sri Lanka, attentati in chiese e hotel: almeno 138 morti


sri lanka attentati

Pasqua di sangue in Sri Lanka: sei esplosioni simultanee hanno causato molte vittime tra i fedeli. Il primo bilancio è di almeno 138 morti, ma secondo le autorità locali è destinato a salire con il passare delle ore. Si sarebbe trattato di attentati suicidi, avvenuti in almeno tre chiese, una delle quali nella capitale Colombo, e in altrettanti hotel frequentati prevalentemente da turisti. Sarebbero circa 400 i feriti, di cui alcuni in gravi condizioni. L’11 aprile scorso, il capo della polizia locale, Pujuth Jayasundara, aveva inviato un allarme dell’intelligence ai più alti ufficiali: alcuni kamikaze stavano preparando attentati suicidi in “chiese importanti”.

Il primo ministro dello Sri Lanka, Ranil Wickremesinghe, si è espresso così tramite il proprio account Twitter:

“Condanno fermamente gli attacchi vigliacchi contro la nostra gente. Invito tutti i cittadini dello Sri Lanka in questo tragico momento a rimanere uniti e forti. Il governo sta prendendo provvedimenti immediati per contenere questa situazione”.

La forze di sicurezza stanno indagando per ricostruire nel dettagli gli attentati. Almeno due esplosioni è stato accertato siano l’opera di attentatori suicidi. Tra i luoghi di culto colpiti c’è il santuario di Sant’Antonio (Colombo) e le chiese di Negombo e Batticaloa, mentre i tre alberghi si trovano nella capitale Colombo e sono frequentati solitamente da turisti stranieri. Una vittima è segnalata al Cinnamon Grand Hotel di Colombo, albergo sito poco distante dalla residenza ufficiale del Primo Ministro. Gli altri due hotel colpiti sarebbero il Kingsbury Hotel e lo Shangri-La.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin