Spread in salita dopo l’accordo sul Def


Lo Spread è tornato a salire dopo un settembre sereno

L’accordo sul Def non è stato accolto con entusiasmo dai mercati finanziari. Ieri il Movimento 5 Stelle ha esultato per aver ottenuto di portare il rapporto deficit Pil al 2,4% nel prossimo triennio, eppure la “manovra del popolo“, al quale è stato affidato l’ambizioso compito di “abolire la povertà“, non sembra riscuotere lo stesso successo sui mercati finanziari, che evidentemente non concordano sulla sua sostenibilità.

Dopo un mese di settembre privo di particolari scossoni è infatti tornato a salire lo Spread, ovvero la differenza di rendimento tra BTP a 10 anni e gli equivalenti titoli pubblici tedeschi. Sopra quota 500, come noto, si iniziano a correre pesanti rischi. Siamo ben lontani da quella soglia, ma il trend di oggi è quantomeno allarmante. Lo Spread alle ore 12 ha toccato quota 277.50, con una variazione del +15,29%.

Questo l’andamento in tempo reale:




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin