Spacey si difende dalle accuse di molestie interpretando Frank Underwood


Kevin Spacey si difende dalle accuse di molestie sessuali. Lo fa su Twitter, in un video di tre minuti interpretando il ruolo del personaggio che gli è valso di più la popolarità degli ultimi tempi: Frank Underwood, dal titolo: Let me be Frank, un gioco di parole che in inglese suona come l’italiano “Lasciatemi essere franco”.

Di seguito il testo semi-integrale del suo video, dove si presenta con un grembiulino con addobbi natalizi, in una interpretazione perfetta, in ogni sfaccettatura, del suo personaggio, dove ne esce fuori qualcosa di indistinguibile tra l’attore Spacey e il personaggio Underwood.

E lascia intendere ai suoi fan, a chi lo guarda, indossando l’anello che lo ha reso celebre dietro la scrivania della Casa Bianca, di voler andare in qualche modo oltre la sua morte.

“So cosa volete. Sì hanno provato a separarci, ma quello che abbiamo è troppo forte, è troppo potente. E dopotutto abbiamo condiviso tutto, voi ed io. Io vi ho detto i miei più profondi e più oscuri segreti. Vi ho fatto vedere esattamente quello di cui le persone sono capaci.

Vi ho scioccato con la mia onestà, ma di più vi ho messi alla prova, e vi ho fatto pensare. E vi siete fidati di me, anche se sapevate che non avreste dovuto. Non importa quello che dicono, quello che mi imbarazza. Io so quello che volete. Volete che io torni. […] Molti credono a quello che hanno sentito (dire di me, ndr) e sarebbe semplice che tutto si chiudesse con una mia ammissione. Non sarebbe facile?

Ma sia voi che io sappiamo che non è mai così semplice, né in politica e né nella vita. Ma voi non credereste alle peggiori cose senza prove, vero? Non arrivereste immediatamente al giudizio senza fatti, vero? Lo avete fatto? No, non voi. Voi siete più intelligenti.

Ve lo prometto. Se non ho pagato il prezzo per le cose che ho fatto, di sicuro non pagherò il prezzo per le cose che non ho fatto. Di certo diranno che sono senza rispetto per non comportarmi secondo le regole, come se finora avessi giocato con le regole stabilite da qualcuno. Non l’ho mai fatto. E voi è piaciuto tantissimo”.

Eppure, nonostante tutti i titoli di giornali, i giudizi, nonostante la mia stessa morte mi sento incredibilmente bene. E la mia fiducia aumenta ogni giorno di più nel fatto che presto avrete tutta la verità. Ma, aspettate un momento. Voi finora non mi avete visto morire, non è vero?. Le conclusioni possono essere molto ingannevoli. Sentite la mia mancanza, vero?”




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin