Sotto le macerie anche la sinistra dei privatizzatori



Quel che resta del ponte Morandi, una sorta di gigantesco dito accusatorio, rappresenta plasticamente un giudizio senza appello di un’ intera classe dirigente, e di un’intera stagione, quella delle privatizzazioni. Sotto le macerie, è finito particolarmente il centro sinistra, e nel girone più profondo la sinistra dei privatizzatori. I fischi e gli applausi al funerale delle vittime non sono stati altro che, direbbe Elias Canetti, una forma drammatica di psicologia di massa, con un carattere da giudizio biblico. La presenza … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin