Sindacati e lavoratori: «Dov’è finito il tavolo sui diritti dei riders?»



Riceverli è stato il primo atto di Luigi Di Maio da ministro del lavoro e sviluppo, ma oggi i ciclofattorini («riders») che lavorano per le piattaforme digitali nelle consegne del cibo a domicilio sono stati messi in soffitta. Passato il clamore progandistico, coloro che sono stati ritenuti dal governo «populista» un «simbolo» della precarietà attendono ancora la convocazione del «tavolo» con le aziende e i sindacati. Di Maio ha scelto questa «concertazione» invece di procedere spedito verso l’unica soluzione che … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin