Si uccide il padre di una delle piccole vittime della strage di Sandy Hook


strage sandy hook suicidio

WIN MCNAMEE / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP
 


Jeremy Richman a un evento contro la diffusione delle armi con l’allora presidente Barack Obama




Il padre di una vittima della strage nella scuola elementare Sandy Hook si è tolto la vita a Newtown, Connecticut. Jeremy Richman, 49 anni, è stato trovato a Edmond Town Hall, uno spazio pubblico per eventi alle 7 di mattina locai dagli operai impiegati in un cantiere.

La viglia di Richman, Avielle, era una dei 20 bambini uccisi nel massacro del 2012 e alcuni degli agenti chiamati sul luogo del suicidio sono gli stessi che sette anni fa intervennero nella scuola teatro della sparatoria.

Dopo la morte di Avielle, Richman e sua moglie, Jennifer Hensel, avevano creato la Avielle Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro focalizzata sulla ricerca neuroscientifica, con l’obiettivo di “esplorare i meccanismi del cervello che portano a comportamenti violenti”. La fondazione ha un ufficio a Edmond Town Hall, dove è stato trovato Richman.

Il suo suicidio segue di pochi giorni quella di due giovani sopravvissuti al massacro di Parkland

Neurofarmacologo docente di psichiatria alla facoltà di Medicina di Yale, Richman era stato tra quanto avevano fatto causa ad Alex Jones, un teorico del complotto secondo cui il massacro non è mai avvenuto e i genitori dei bambini erano attori pagati per interpretare un ruolo.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin