Shilpa Gupta, la mia storia può essere la tua



«La mia pratica è molto fluida. Lavoro con materiali del quotidiano. Uso suono, disegno, fotografia, video, scultura, performance… non c’è una materia o una tecnica che prevalga sull’altra», afferma Shilpa Gupta (è nata a Mumbai nel 1976, dove vive e lavora). Una dialettica incentrata sul rapporto tra visibile e invisibile, presenza e assenza, quella dell’artista indiana, in cui il pubblico è invitato a interagire esplorando nuove possibilità percettive. «È la mia storia, ma può essere anche la tua storia». Il … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin