Shazam!, curiosità e descrizione sulle scene dopo i titoli di coda


Scopriamo cosa ci hanno rivelato le due scene dei titoli di coda del film “Shazam!”.

Shazam! è arrivato finalmente nei cinema e bisogna dire che il nuovo film DC oltre a presentarsi come una sorta di “Big” con supereroi e una spassosa parentesi “comedy” all’interno dell’Universo Esteso DC, regala ai fan dei fumetti una pioggia di citazioni e smussa gli elementi da family-movie con suggestioni horror che lo specialista David Sandberg (Lights Out, Annabelle 2) maneggia e veicola con invidiabile dovizia. Per il sottoscritto “Shazam!” si è guadagnato un “8” pieno, un voto strameritato per uno dei migliori Film DC su piazza.

 

ATTENZIONE!!! A seguire ci sono SPOILER sul finale di “Shazam!” quindi proseguite nella lettura a vostro rischio e pericolo.

 

Archiviato il film diamo come di consueto un’occhiata a cosa ci hanno svelato le scene dopo i titoli di coda, in questo caso trattasi di due sequenze bonus, la prima a metà dei titoli di coda che accenna ad un potenziale Shazam 2 e una seconda che arriva subito dopo i titoli di coda a premiare i fan più pazienti, e che include un omaggio ad un altro amato supereroe DC che ha recentemente sbancato il box-office con il suo film in solitaria.

Coloro che hanno prestato attenzione durante il film potrebbero ricordare di aver visto una sorta di grosso e bizzarro bruco in un barattolo nella tana del mago, conosciuta ufficialmente come la “Roccia dell’Eternità”. Più tardi nel film, gli spettatori dalla vista più aguzza potrebbero anche aver notato che lo stesso bruco non era più nel suo barattolo, scomparsa che influenza la più importante sequenza dei titoli di coda del film.

La fine del film vede la famiglia Shazam scontrarsi e battere il malvagio Dr. Sivana (Mark strong) che finisce dietro le sbarre. Durante la scena di metà titoli ritroviamo il supercriminale in prigione, l’uomo sembra sull’orlo della pazzia, bofonchia frasi sconnesse mentre scarabocchia sul muro della piccola cella formule magiche, cercando di ritrovare la combinazione giusta che gli permetterà di riacquisire la magia e i poteri perduti. A questo punto una strana voce gracchiante emerge dall’ombra. La macchina da presa segue Sivana che cerca la fonte della voce che è stranamente il bruco visto in precedenza, che grazie a quello che sembra un modulatore vocale si rivolge a Sivana affermando.

Presumi che ci sia un solo modo per ottenere la magia. I Sette Regni stanno per diventare nostri.


 

Allora, chi è questa piccola creatura che ostenta tanto potere? Si tratta di un personaggio conosciuto nel mondo DC Comics come “Mister Mind” e risale al 1943. Mister Mind, come suggerisce il nome, ha la capacità di controllare le menti delle persone. Può anche produrre una seta ultraresistente e ha un certo livello di invulnerabilità. Ma la cosa più importante è che Mister Mind è un membro della “Società dei Mostri del Male”, una squadra di malvagi relativamente oscura composta da membri altrettanto oscuri come “Ibac” (criminale che ha venduto la sua anima a Lucifero in cambio di superforza e resistenza che ottiene dicendo la parola magica “Ibac”), il super-soldato “Captain Nazi” e ad un certo punto anche Black Adam che a questo punto potrebbe in un eventuale sequel guidare questo gruppo di supercattivi, che naturalmente includerà anche il Dr. Sivana.

Per coloro che sono rimasti fino al termine dei titoli di coda, la seconda scena bonus ha molta meno importanza rispetto ad un eventuale “Shazam 2”, ma è comunque piuttosto divertente e si ricollega al fatto che durante tutto il film ci sono omaggi e riferimenti ai membri della Justice League, in particolare Batman e Superman. La scena inizia con Freddy e Billy (nella sua forma di supereroe) che girando un video nella loto cameretta continuano a testare alcuni dei potenziali poteri di Billy che i due ragazzi hanno cominciato ad esplorare e scoprire durante il film, in un esilarante serie di scene accompagnate dalla trascinante hit “Don’t Stop Me Now” dei Queen. Vediamo Shazam in possesso di una boccia per pesci rossi che sta cercando di capire se può parlare e comandare i pesci come il suo omologo DC Aquaman. Scopriamo piuttosto velocemente che non può. Poi l’eroe lancia una battutina all’amico: “Ok, tanto non è così fico”.

In molti si aspettavano un qualche accenno al Black Adam di Dwayne Johnson in una delle scene dei titoli di coda, anche se c’è una sequenza durante il film in cui il mago racconta di Black Adam come di un grande errore di cui il Concilio dell’Eternità ha perso il controllo e che ha creato morte e devastazione. E’ stato recentemente riferito che prima di poter vedere lo Shazam di Zachari Levi scontrarsi con il Black Adam di The Rock, quest’ultimo dovrà avere un suo film indipendente che introduca il personaggio, e considerando l’agenda fitta di impegni di Johnson la cosa non potrà sicuramente avvenire a breve.

 

 

 




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin