Sea Watch, Salvini contro vescovi e sacerdoti


salvinic contro vescovo nosiglia

Matteo Salvini non accetta di farsi fare la morale dagli uomini di Chiesa in tema di migranti e ribadisce il suo “porti chiusi”. Dopo aver attaccato l’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia, colpevole di essersi dichiarato disponibile ad accogliere i 42 migranti della Sea Watch in mare da due settimane – “senza oneri per lo Stato se questo può servire a risolvere il problema” – Salvini ieri sera ha seccamente replicato anche al Parrocco di Lampedusa Don Carmelo La Magra.

Il sacerdote, accompagnato da alcuni turisti, ha preso l’iniziativa di dormire sul sagrato della chiesa: “Fin quando profughi Sea Watch non scenderanno a terra in un porto sicuro”. La risposta del ministro dell’Interno arriva via Twitter: “Caro parroco, con tutto il rispetto, io non cambio idea: porti chiusi a chi aiuta i trafficanti di esseri umani. Dorma bene”.

Al vescovo di Torino invece Salvini aveva precedentemente indirizzato una lettera su Facebook: “Caro Vescovo penso che Lei potrà destinare i soldi della Diocesi per aiutare 43 Italiani in difficoltà. Per chi non rispetta la legge i nostri porti sono chiusi”. Nosiglia aveva spiegato: “Come vescovo e come cristiano sento tanta sofferenza… Noi ci siamo. Torino ha un numero abbastanza elevato di famiglie disposte ad accoglierli, è una particolarità specifica della nostra città”.

Il vescovo aveva sommessamente avanzato la sua proposta: “Non ci sono solo realtà istituzionali o del terzo settore ma anche famiglie che hanno dato la loro disponibilità. Siamo pronti. Se il Governo e il ministro sono d’accordo li andiamo a prendere e li portiamo su, ma credo sia una disponibilità che potrebbe essere accolta per trovare uno sbocco a questa situazione”.

Ma Salvini non intende mostrare segni di cedimento: i porti in Italia sono e restano chiusi. Intanto nelle ultime ore una sessantina di profughi pakistani sono sbarcati nella zona di Isola Capo Rizzuto, nel vibonese, dopo essersi incagliati con una barca a vela. Tutti sono stati trasferirti al Centro Sant’Anna per la prima assistenza. Due presunti scafisti sono stati arrestati.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin