Scuole aperte tutto l’anno | Proposta dell’ANQUAP


Le scuole potrebbe restare aperte 12 mesi l’anno: durante l’estate si svolgeranno attività di recupero o di eccellenza formativa. Questa la proposta di Anquap.

Date di fine scuola giugno 2019

Se la scuola fosse aperta tutto l’anno? Sarebbe una vera e propria rivoluzione. A lanciare la proposta è ANQUAP – Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche che ha pubblicato un manifesto dal titolo “Come far funzionare (bene) le scuole: aperte tutto l’anno e tutto il giorno”.

“Nelle attuali condizioni di disciplina normativa c’è un dispendio colpevole di strutture, attrezzature e personale; risorse solo parzialmente utilizzate in ragione di un calendario scolastico e funzioni che lasciano vuoti troppi spazi temporali. Gli edifici, i beni mobili, i servizi ed il personale docente (in parte anche il personale ATA) costano anche nei periodi (e sono tanti) di sospensione delle attività didattiche: le vacanze estive, quelle natalizie e pasquali che sommate giungono quasi a tre mesi”.

Inutile negare che anche i genitori hanno sempre il problema delle pause, che purtroppo non sono compatibili con le ferie. L’associazione propone che la scuola svolga orario tradizionale (almeno di 9 ore) da settembre a giugno (lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 17.30), mentre nei mesi di luglio e agosto (due mesi) e sempre dal lunedì al venerdì l’orario antimeridiano giornaliero di almeno 5 ore (es. dalle ore 8,30 alle ore 13,30). La chiusura sarà prevista ad agosto per 15 giorni a cavallo di ferragosto. Ovviamente nei mesi estivi si svolgeranno attività di recupero dei debiti formativi, promozione delle eccellenze e attività che possono sviluppare le interrelazioni tra scuola e mondo del lavoro, nonché le attività sociali, culturali, ricreative e sportive rivolte agli alunni ed alla popolazione adulta.

E i docenti quanto dovranno lavorare? Avranno un contratto da 25 ore la settimana per 11 mesi. Che cosa ne pensate di questa proposta?

Via | ANQUAP


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin