Scontri a Milano tra polizia e militanti di estrema destra


È successo a un presidio organizzato per ricordare Sergio Ramelli.

Corteo Milano

Giornata molto complicata oggi a Milano dove da una parte c’era un corteo antifascista organizzato da alcune sigle di sinistra e dall’altra, in Piazzale Susa, un presidio non autorizzato di militanti di estrema destra riuniti per ricordare l’omicidio di Sergio Ramelli, militante del Fronte della Gioventù (l’organizzazione giovanili del Movimento Sociale Italiano) ucciso nel 1975 da militanti della sinistra extraparlamentare legati ad Avanguardia Operaia.

A un certo punto alcuni rappresentati dell’estrema destra hanno cercato di raggiungere il corteo antifascista e così la polizia li ha dovuti bloccare. Sono scoppiati dei tafferugli e uno skinhead è caduto per terra ed è stato rianimato con un massaggio cardiaco dagli altri manifestanti.

A quanto pare ha riportato un trauma cranico, riscontrato successivamente dal personale del 118 intervenuto sul luogo per portarlo via in ambulanza. Il ragazzo, tra l’altro, nel momento in cui è stato portato verso l’ambulanza ha chiamato qualcuno e ha fatto il saluto romano. Il motivo del suo ferimento sarebbe da rintracciare nel fatto che, mentre correva verso il cordone della polizia, è inciampato.

Oggi alle 15 c’è stata una commemorazione ufficiale di Sergio Ramelli nei giardini di via Bronzino, alla quale ha preso parte anche il sindaco Beppe Sala che invece, tra le polemiche, non si è fermato per la commemorazione in viale Lombardia dell’avvocato Enrico Pedevoni, vittima del terrorismo rosso.

Alle 17 è partito il corteo di sinistra per ricordare Gaetano Amoroso, studente ucciso la sera del 27 aprile 1976 da un gruppo di fascisti. Alla manifestazione hanno partecipato tutte le sigle del coordinamento Memoria antifascista, l’Anpi e il Pd.

Alle 18:30, poi, il corteo antifascista si è spostato in piazzale Loreto, ma, su ordine della polizia, ha dovuto cambiare percorso a causa della vicinanza a piazzale Susa dove c’erano, invece, i neonazisti (ai quali era stato proibito di sfilare).


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin