Scarti, l’ecologia degli oggetti nell’arte contemporanea



Contenuto netto, 30 grammi; conservata al naturale, prodotta e inscatolata nel mese di maggio 1961: l’etichetta è esplicita nel dichiarare l’essenza del prodotto. Merde d’artiste è un’opera che probabilmente è andata al di là delle aspettative dello stesso Piero Manzoni, che la realizzò come multiplo d’artista. Novanta scatolette firmate e numerate, oggi ambitissime dai collezionisti che sono pronti a sborsare fino a 275mila euro (nel 2016 all’asta milanese Il Ponte). Al di là del valore di mercato si tratta di … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin