Sara Anzanello muore a 38anni, Zaia “giorno triste per lo sport”



Sara Anzanello, campionessa di Volley,  non ce l’ha fatta a vincere l’ennesima battaglia che la vita le ha messo davanti. A 38 anni è morta una delle atlete più rappresentative della pallavolo italiana. “E’ un giorno davvero triste per lo sport veneto e nazionale: l’addio a Sara è dolorosissimo innanzi tutto per i suoi familiari e per le persone a lei piu’ vicine, ma la prematura scomparsa di questa atleta brava e forte colpisce tutti noi. Come comunità trevigiana ci stringiamo nel ricordo commosso a questa donna straordinaria, costretta a un calvario sanitario affrontato con il coraggio e la testardaggine che aveva dimostrato nei campi di gioco” ha detto il presidente della  Regione del Veneto, Luca Zaia, che ha ricordato la protagonista dell’oro Mondiale dell’Italia nel 2002, morta a  a causa di una grave forma di epatite che l’aveva costretta alcuni anni fa al trapianto di fegato. “Esprimo ai familiari e agli amici – conclude Zaia – il più profondo cordoglio a nome dell’intera Regione. Sara sia di esempio per i giovani nello sport e nella vita”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin