Salvini ha commentato le scritte razziste contro il ragazzo senegalese di Melegnano 


Salvini ha commentato le scritte razziste contro il ragazzo senegalese di Melegnano 

(Afp)


Matteo Salvini 



“Sono vicino a quel ragazzo e a quei genitori. Capisco quella mamma, ma legare un decreto che porta più ordine e più regole nello stato Italiano a questioni di razzismo mi pare esagerato”. Così Matteo Salvini, ministro dell’Interno e vicepremier, intervenendo a Radio Anch’io a proposito delle scritte razziste fatte sul muro di casa di una coppia di Melegnano, nel Milanese, che ha adottato un giovane senegalese.

“Sui criminali non faccio distinzioni tra bianchi e neri, chi delinque sarà punito allo stesso modo”, continua Salvini, che però nega che episodi di razzismo recenti siano dovuti ad un linguaggio incattivito della politica nei confronti dei migranti negli ultimi anni: “Io guardo le persone, non il colore della pelle. Un conto è essere contro i criminali e l’immigrazione clandestina, un altro che dei cretini scrivano su un muro frasi contro un ragazzo di colore”.

Bersaglio degli insulti è Bakary Dandio, 21enne senegalese dal 2016 adottato dai coniugi Paolo Pozzi e Angela Bedoni. Si tratta del secondo caso, ai danni della stessa persona e della stessa famiglia, in poche settimane. La nuova scritta, con tanto di svastica, è apparsa lunedì mattina. In questo nuovo caso si tratta di una minaccia rivolta direttamente al mezzofondista 21enne dell’Atletica Leggera Melegnano.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: http://formiche.net/feed/

Autore dell'articolo: admin