Salerno, diventa mamma a 55 anni dopo un intervento all’utero


Dopo un delicato intervento all’utero, diventa mamma a 55 anni. Il fatto è accaduto all’azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno dove qualche mese fa, alla 35 settimana, una signora ha partorito un bambino di 2.250 chili, nel Reparto di Gravidanza a rischio. A far nascere il piccolo è stato il dottor Raffaele Petta, insieme ai dottori Mario Polichetti Venus Buonaiuto. La mamma, una donna salernitana che vuole mantenere l’anonimato, era stata sottoposta due anni prima ad un delicato intervento di asportazione di molti miomi (fibromi dell’utero) per via laparoscopica.

Parto sicuro: domande e risposte


Come si sceglie il punto nascita più adatto per il parto?


Il parto

«Questo parto – spiega all’Ansa Raffaele Petta, Direttore del reparto Gravidanza a rischio e diagnosi prenatale – pone le problematiche relative alle gravidanze in età avanzata. Nel caso specifico la gravidanza era ad altissimo rischio poiché, essendo stata la paziente sottoposta ad asportazione di molti miomi per via laparoscopia, vi era il rischio di rottura dell’utero con possibile morte del feto e la necessità di dover asportare l’utero stesso. Vi era, quindi, la necessità di prolungare il più possibile la gravidanza per evitare la nascita di un bambino prematuro con il pericolo che l’utero si potesse rompere. Si è giunti così alla 35 settimana, momento in cui ragionevolmente il feto non avrebbe avuto problematiche gravi».

I precedenti

Sette anni fa nello stesso Reparto un medico 57enne partorì due gemelline, Karol Pia e Adriana Cristina. Qualche anno fa un mamma di 54 anni partorì tre gemellini sempre nel Reparto di Gravidanza a rischio del Ruggi di Salerno.

22 dicembre 2018 (modifica il 22 dicembre 2018 | 16:58)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin