Ruspe israeliane nel campo profughi di Shuafat, demoliti venti negozi



«Nel nostro campo i funzionari civili del comune non si sono visti per anni e la polizia qui ci viene solo per arrestare qualcuno» ci spiega aspirando forte la sigaretta Jawad Malhi, profugo residente nel campo palestinese di Shuaffat e pittore di talento. «All’improvviso – aggiunge – poco più di un mese fa (l’ex sindaco israeliano di Gerusalemme) Nir Barkat è venuto portandosi dietro i netturbini del comune affermando di voler cacciare via l’Unrwa (Onu) per affermare il controllo israeliano … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin