Ricercatori e dottorandi: «Basta precarietà»



«Lavoro al dipartimento di chimica dell’università La Sapienza. Sono precaria da 9 anni. Ho avuto diversi tipi di contratti, assegni di ricerca e borse la cui durata massima è sempre di un anno. A ogni scadenza devi rinnovare ma ti scontri con mille difficoltà, mancanza di finanziamenti e periodi di vuoto tra un contratto e l’altro in cui comunque devi lavorare». Quella di Laura Cronopulu, 36 anni, è la storia di tante ricercatrici dell’università italiana. PER CHIEDERE di assorbire il … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin