Quel che serve al silenzio è che si continui a parlare



Se è vero che è buona prassi tacere di ciò di cui non si può parlare, il silenzio sembrerebbe scongiurare ulteriori postille al fin troppo citato suggerimento wittgensteiniano. Eppure, commentarlo, definirlo, sancirne lo statuto attraverso parole che mentre lo affermano lo negano è un tentativo ricorrente: celebre l’impasse cui ci costrinse a suo tempo John Cage, di cui a distanza di sessant’anni dalla prima pubblicazione, Il Saggiatore ripropone il Silenzio (traduzione di Giancarlo Carlotti, con una prefazione di Kyle Gann, … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin