Quando i servizi segreti europei studiavano dai dittatori sudamericani


servizi segreti europei pinochet dittatori argentini



Per arginare le forze di sinistra i servizi di intelligence britannici, francesi e della Germania occidentale hanno preso lezione dai dittatori dell’America del Sud, quelli che negli anni ‘70 firmarono campagne di terrore, tra cui l’Operazione Condor.      

La scomoda rivelazione è contenuta in documenti della Cia appena declassificati che comprovano il grande interesse dei servizi segreti europei per il programma elaborato dalle dittature al potere in Argentina, Paraguay, Uruguay, Cile, Bolivia, Perù e Ecuador. 

Si trattava di un piano per rapire e assassinare esponenti dei gruppi di guerriglia di sinistra stabiliti in quei Paesi, dandosi una mano a vicenda.      

“La minaccia terroristico-sovversiva ha raggiunto tali livelli di pericolo in Europa che i servizi pensano che sia meglio raggruppare le loro risorse in una organizzazione strutturata in cooperativa come quella di Condor”, spiegarono i capi degli 007 europei al segretariato dell’operazione Condor stabilito a Buenos Aires.

Dove vola il condor

Nello specifico, pianificavano di “coordinare le loro azioni in Europa in modo così stretto che il servizio di intelligence di uno di quei Paesi non avrebbe operato unilateralmente in un altro Paese”, come si legge in uno dei file declassificati dalla Cia.      

Si tratta di informazioni contenute nei file segreti dell’agenzia di spionaggio civile del governo federale degli Stati Uniti, per un totale di 47 mila pagine relative alla sanguinosa dittatura militare in Argentina, tra il 1976 e 1983.

La “guerra sporca” che ebbe inizio dall’operazione Condor è al centro di un processo in Argentina, dove almeno 100 persone sono state uccise, ma il numero preciso delle vittime non è noto.    

servizi segreti europei pinochet dittatori argentini

 L’ex dittatore argentino Jorge Videla sul banco degli imputati al processo per i crimini perpetrati nel corso dell’Operazione Condor (Juan Mabromata/AFP)

La pubblicazione di questi ultimi documenti segreti è il risultato di una domanda formale risalente al 2016, in occasione della visita a Buenos Aires dell’allora presidente Barack Obama per il 40mo anniversario del colpo di stato militare.

Tra le altre cose contengono, oltre alle rivelazioni imbarazzanti sull’interesse dell’Europa per questi metodi brutali contro le opposizioni di sinistra, informazioni che riguardano il modus operandi delle dittature anche in Uruguay e altri Paesi latinoamericani.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin