Psoriasi, mi tornerà sempre negli stessi punti?


Psoriasi, mi tornerà sempre negli stessi punti? | Psoriasi: le risposte ai vostri dubbi






















desktop

includes2013/SSI/notification/global.json

/includes2013/SSI/utility/ajax_ssi_loader.shtml









psoriasiEsistono poche malattie «capricciose» come la psoriasi. Le chiazze sulla pelle possono apparire dal nulla in pochi giorni e altrettanto velocemente sparire per non presentarsi più. Nella maggior parte dei casi però la malattia si presenta in forma più stabile ed ha sedi «predilette» dove comparire: i gomiti, le ginocchia, il cuoio capelluto, la cute in corrispondenza dell’osso sacro sono aree del corpo dove tende a manifestarsi e a rimanere. Il perché compaia così frequentemente in queste aree e non in altre zone è tutt’oggi sconosciuto e fa parte del mistero della cosiddetta «dermatologia topografica», ossia l’associazione di particolari malattie cutanee con particolari zone corporee. Alcune ipotesi sono state fatte: forse la più convincente è quella che associa la comparsa della psoriasi in particolari aree cutanee a una espressione diversa di alcuni geni in queste aree. L’altra ipotesi è che alla comparsa della psoriasi in zone specifiche del corpo contribuisca il microbioma, ossia l’insieme di batteri che vivono sulla nostra pelle perché sono diversi da zona a zona per una questione di ph, di umidità e di produzione di sebo.
Quando la terapia è efficace le chiazze di psoriasi scompaiono, ma cosa succede quando si interrompe la terapia? Le chiazze compaiono negli stessi punti o si diffondono ad altre zone del corpo? Anche questo è ancora un mistero. Solitamente le chiazze compaiono nuovamente negli stessi punti a meno che non siano intervenuti altri fattori esterni, come per esempio infezioni, traumatismi o stress che abbiano peggiorato lo stato infiammatorio cutaneo. In questo caso le chiazze possono estendersi oltre rispetto alle zone della superficie cutanea dove erano localizzate prima della terapia.
Ci sono poi dei casi particolari in cui alcune terapie possano gli esacerbati la psoriasi in maniera anche molto violenta alla sospensione: una di queste è la terapia cortisonica sistemica, ossia quando per la psoriasi si assume cortisone per bocca o per via iniettiva. Ciò è altamente sconsigliato in caso di psoriasi anche severa, infatti il cortisone sistemico non andrebbe mai utilizzato.
Il consiglio più importante che possiamo dare è quello di farsi seguire sempre da un dermatologo, sia per la prescrizione delle cure, sia per una loro eventuale sospensione. Molti pazienti psoriasici tendono a decidere autonomamente, ma il confronto con lo specialista è utile a calibrare meglio la terapia sul singolo caso e scegliere la cura più efficace, evitando i possibili effetti indesiderati.


blog_psoriasi_WP-190-1271





















Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin