Principe George torna a scuola


Il principe George tra qualche giorno inizia la prima elementare, con tante sorprese e numerosi impegni.

Principino George

Il principe George sta per tornare a scuola, proprio come tutti i bambini d’Europa. Quest’anno però c’è una sorpresa. Ad accompagnare il principino per la prima volta sarà la mamma. È un’occasione importante, perché sta per entrare nel suo Year One (prima elementare) e imparare nuove cose. E tutte alla Thomas’ s Battersea School di Londra, una scuola londinese di grande prestigio la cui retta annuale si aggira sulle 20mila sterline.

Il figlio di William e Kate, tra le diverse materie, avrà anche da studiare la Bibbia, il balletto, informatica (deve imparare a usare Word, prendere confidenza col mouse, aprire e chiudere i programmi più usati e alla fine potrà affrontare il Key Stage 1, primo livello del National Curriculum), musica, arte e matematica. Più 40 minuti di corso di recitazione a settimana, il Coro, la corsa, il nuoto, il salto. Insomma, George non avrà molto tempo per annoiarsi.

La prima elementare, anche per lui, segna prima di tutto l’apprendimento base: leggere e scrivere. E anche memorizzare i giorni della settimana, i mesi dell’anno, i numeri fino a venti, l’indirizzo della scuola. Avrà anche da fare i compiti a casa, con 10 minuti obbligatori di lettura ogni sera.

Il royal baby finora ha frequentato un asilo Montessori, ha studiato un po’ di francese e alla nuova scuola elementare perfezionerà le lingue straniere e magari, se i genitori lo desiderano, potrebbe anche prendere qualche lezione di italiano.

E la mensa? Insomma, chiamarla mensa è quasi denigratorio. La scuola offre un menu stellato, che cambia ogni 3 settimane e si adegua alla stagione. Dalla merenda di metà mattina (latte biologico o acqua con frutti o panini) alla zuppa del giorno, tutto è supervisionato da un dietologo. Perché in questa scuola George non impara solo nozione, ma anche a prendersi cura di sé e a rispettare il suo corpo.




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin