prima ti insultano, poi ti copiano (male!)”


L’ex Premier torna ancora una volta sul referendum del 2016.

Matteo Renzi su abolizione CNEL e M5S

A Matteo Renzi il referendum del 2016 che, di fatto, ha segnato la sua caduta proprio non va giù e a distanza di due anni e mezzo coglie ancora una volta l’occasione per tornare sull’argomento. Il pretesto è la proposta di legge costituzionale per l’abolizione del CNEL, un’idea che era anche nella sua riforma e che ora porta invece la firma del MoVimento 5 Stelle.

Renzi, dunque, attacca i pentastellati, trascurando il fatto che la sua proposta di riforma costituzionale includeva altri radicali cambiamenti. L’ex Premier ha scritto:

“In Senato è arrivata la richiesta di discutere la legge costituzionale proposta dai Cinque Stelle per l’abolizione del CNEL. Sì, proprio del CNEL. I Cinque Stelle sono così: prima ti insultano, poi ti copiano (male!)

E poi continua quello che è un vero e proprio sfogo:

“Immagino che adesso i grandi custodi della democrazia che si sono schierati contro il nostro referendum del 2016, tutti coloro che sono stati in servizio permanente ‘contro la deriva autoritaria e i danni alle istituzioni procurati dal renzismo’, possano svegliarsi dal letargo di questi mesi e rassicurarci sul fatto che sono vivi e stanno bene. In questi mesi infatti sono stati silenziosi su tutto, dalle sparate dei vicepremier fino all’umiliazione del Parlamento sulla legge di Bilancio: evidentemente il loro problema era solo l’abolizione del CNEL. Che dite: i paladini della Costituzione torneranno finalmente a farsi sentire?”


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin