Presi in una rete di sventure, con riscatto



Il romanzo di intreccio ha un’infinita capacità di resistenza: discusso, contestato, liquidato a oltranza, continua nondimeno a prosperare, e non solo nelle articolazioni banali della letteratura di evasione. Anche nel primo Novecento, nel periodo in cui gli autori cosiddetti «modernisti» (peraltro diversissimi) scardinano radicalmente costrizioni e seduzioni della trama, altri seguitano invece a riproporle, e spesso in modi originali e imprevedibili. ra questi Sylvia Townsend Warner, scrittrice e poetessa inglese molto attiva tra gli anni venti e i settanta dello … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin