potere d’acquisto diminuito dello 0,5%


I dati si riferiscono al quarto trimestre 2018.

Istat dati su reddito delle famiglie

L’Istat ha pubblicato oggi i dati riferiti all’ultimo trimestre 2018 sul conto delle amministrazioni pubbliche, il reddito e il risparmio delle famiglie e i profitti delle società. Ne è emerso un calo del potere d’acquisto dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dello 0,2% in termini nominali. Tuttavia i consumi non sono calati, ma è scesa la propensione al risparmio, arrivando a essere del 7,6% rispetto all’8,2% del terzo trimestre. Bisogna comunque considerare che stiamo parlando degli ultimi tre mesi dell’anno, quelli delle spese natalizie.

Per quanto riguarda le pubbliche amministrazioni, il loro indebitamento in rapporto al Pil è stato del 2,0%, poco più dell’anno precedente: nel terzo trimestre del 2017 era stato infatti dell’1,9%. La pressione fiscale è stata del 48,8%, in aumento dello 0,2% rispetto allo stesso periodo del 2017. Nel suo report l’Istat spiega:

“L’incidenza del deficit delle Amministrazioni pubbliche sul Pil ha segnato in termini tendenziali un lieve aumento dovuto alla corrispondente variazione del saldo primario, mentre la componente della spesa per interessi è rimasta sostanzialmente stabile. Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici ha subito nel quarto trimestre una nuova diminuzione, riportandosi sostanzialmente sul livello registrato all’inizio dell’anno. Le famiglie hanno tuttavia mantenuto una dinamica espansiva dei consumi, alimentata da una nuova diminuzione della propensione al risparmio, scesa a un livello vicino al minimo registrato un anno e mezzo prima”


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin