Polizia postale, possibili nuovi attacchi a obiettivi sensibili


cybersecurity polizia postale attacchi

 (Afp)


 hacker




“Non si tratta di un unico, grande furto di dati, ma di una collazione di dati esfiltrati nel corso di diversi attacchi informatici, noti e meno noti, succedutisi nel tempo: non è la prima di questo tipo che si trova in rete ma sicuramente è molto significativa per dimensioni. E potrebbe essere usata come ‘base’ per ulteriori attacchi anche a obiettivi sensibili”. Ivano Gabrielli, responsabile del Cnaipic, il Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche, invita a non sottovalutare la pericolosità di Collection #1, quello che Troy Hunt, il ricercatore informatico autore del sito Have I been pwned (“sono stato bucato”), ha definito “il piu’ grande data breach mai caricato sul sito”. 

“Il frutto degli attacchi informatici – spiega Gabrielli all’AGI – è in genere una mole di dati, gestiti in prima battuta dalle entità che hanno prodotto tali attacchi e che ne fanno l’uso criminale che credono, dagli attacchi a sistemi finanziari al cyberspionaggio ad altro. Questi dati in genere passano poi di mano, spesso vengono venduti sul dark web ad altri gruppi criminali – e il loro valore è tanto più elevato quanto più sono recenti, mentre cala inevitabilmente con il tempo – ma dopo qualche mese finiscono con il diventare di uso comune, diventano ‘pubblici’, se ne perde il controllo”. 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin