Poborsky ha preso la malattia di Lyme per colpa di una zecca nella barba


Per i tifosi interisti il nome di Karel Poborsky indissolubilmente legato ad uno dei momenti pi tristi della storia nerazzurra, ovvero il 5 maggio del 2002, perch con la sua doppietta in quell’ultima giornata di campionato l’attaccante ceco, allora alla Lazio, contribu al 4 a 2 finale che tolse lo scudetto all’Inter per consegnarlo alla Juventus.

L’insetto e la malattia

Ma nel 2016 Poborsky tornato a fare sua notizia per una storia diversa e dai risvolti potenzialmente pi drammatici: tutto iniziato per colpa della barba, che il 46enne ex calciatore aveva deciso di farsi crescere da qualche tempo. Quello che per non aveva previsto era che una zecca aveva deciso di prendere stabile dimora fra i suoi peli facciali e quando l’ex Lazio (e Manchester United) se n’ reso conto era ormai troppo tardi: l’insetto lo ha infatti morso e Poborsky stato costretto a farsi ricoverare in ospedale, dove gli hanno diagnosticato la malattia di Lyme, una patologia infettiva trasmessa proprio dalle zecche e che si manifesta inizialmente con un eritema ma che, nei casi pi gravi, pu portare a complicanze neurologiche e disturbi cardiaci.

Zecche: le malattie che possono trasmettere e i consigli per evitare di essere morsi


La malattia di Lyme


Pi corta e controllata

Stando a quanto riporta il giornale ceco Express, ripreso dal Sun, il giocatore stato sottoposto a trattamento antibiotico per debellare l’infezione e ad un certo punto si pure ritrovato con la guancia sinistra momentaneamente paralizzata. Fortunatamente per le cure hanno fatto effetto e poco tempo dopo stato lo stesso attaccante a rassicurare i suoi fan che il peggio era passato con una foto sul proprio account Facebook, dove di quella folta barba di cui era sempre tanto orgoglioso non c’era per pi traccia. Malgrado la brutta avventura, Poborsky non ha voluto comunque rinunciare al suo adorato look hipster e, una volta fuori pericolo, si fatto immediatamente ricrescere la barba, che ora porta pi corta. E – soprattutto – controlla con scrupolo maniacale, per evitare qualche altro “ospite indesiderato”.

shadow carousel


Bella Hadid e Yolanda Foster, madre e figlia, lottano insieme contro la malattia di Lyme

5 agosto 2018 (modifica il 6 agosto 2018 | 09:54)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/salute.xml

Autore dell'articolo: admin