Pirelli si prepara per il GP di Misano


L’obiettivo di Pirelli è quello di creare una intera gamma di pneumatici di misura maggiorata, come le ultime realizzazioni in misura 125/70 anteriore e 200/65 posteriore per affiancare le già disponibili sul mercato SC0 posteriore e SC1 anteriore.

pirelli-misano-superbike

Dopo i test di poche settimane fa, il Mondiale Superbike torna a Misano, su World Circuit Marco Simoncelli, questa volta per il settimo round stagionale. Per l’occasione, Pirelli porterà due nuovi pneumatici posteriori, uno dedicato alla WSBK e l’altro alla WSSP.

Il lavoro dell’azienda meneghina sembra non finire mai e, a beneficiarne, sono i piloti della Superbike che, gara dopo gara, si ritrovano con nuove soluzioni sempre più complete e funzionali. L’obiettivo di Pirelli è quello di creare una intera gamma di pneumatici di misura maggiorata, come le ultime realizzazioni in misura 125/70 anteriore e 200/65 posteriore per affiancare le già disponibili sul mercato SC0 posteriore e SC1 anteriore. La nuova SC0 di sviluppo dedicata alla classe Superbike nasce con lo scopo di assicurare una migliore spinta in accelerazione e offrire una maggiore stabilità.

Il tracciato di Misano è stato progettato nel 1969 e ha iniziato ad ospitare le competizioni nel 1972. Diversi ammodernamenti hanno segnato la storia del circuito per migliorarne la sicurezza e rispettare i canoni moderni. Oggi si presenta con 1.850 metri di rettilinei (510 metri il più lungo), 10 curve a destra e 6 a sinistra per un totale di 4.226 metri. Salsedine e umidità, criticità del tracciato e della zona, sono state sconfitte grazie al nuovo asfalto che ha ricoperto l’intero tracciato nel 2015 che, però, rende tutt’ora difficile il compito delle gomme a causa della forte caratteristica abrasiva.

Al fattore asfalto, va ad aggiungersi sicuramente anche il fattore temperatura: la parte destra delle gomme è piuttosto sollecitata, a causa della presenza delle 10 curve in quella direzione, mettendo in crisi la struttura dello pneumatico e compromettendo la precisione in traiettoria.

pirelli-superpole-tyre

Per questo motivo, Pirelli, scenderà in pista con 3.755 pneumatici, completi di soluzioni da asciutto, da bagnato e intermedi. La misura maggiorata è, ormai, diventata una prassi in Superbike, per cui i piloti avranno a disposizione 8 soluzioni slick, tutte in misura 125/70 anteriore e 200/65 posteriore.

Tre le soluzioni per l’anteriore già utilizzate nei round di Aragon, Assen, Imola e Jerez: SC1 di gamma 125/70 in mescola morbida e le SC2 di sviluppo X1071 e X1118 in mescola media. Due le conferme per quanto riguarda le soluzioni per il posteriore: SC0 di gamma 200/65 e quella di sviluppo Y0446 (stessa struttura della SC0 di gamma, ma una mescola orientata all’utilizzo con temperature maggiori).

Una terza soluzione è data dalla nuova SC0 di sviluppo Y0518, stessa mescola della specifica Y0446, ma una struttura capace di assicurare una migliore spinta in accelerazione e offrire una maggiore stabilità. Le ultime due soluzioni, sono rappresentate dalla SCX in specifica Y0447 come pneumatico da prequalifica e dalla supersoft da Superpole in specifica X0684.

Dopo il weekend di gare, avrà luogo, sul Misano World Circuit Marco Simoncelli, il Pirelli SBK Track Days. L’evento prevede intere giornate di sessioni in pista per i bikers amanti del brand milanese e della Superbike.

infografica-pirelli-misano

Chiudiamo con le interessanti statistiche rilasciate da Pirelli sul round dello scorso anno.

• Numero totale di pneumatici portati da Pirelli: 5252

• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe WorldSBK: 8 anteriori e 9 posteriori.

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota WorldSBK: 56 anteriori e 46 posteriori.

• Best Lap Awards WorldSBK entrambi vinti da: Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) in 1’34.948 (Gara 1, 2° giro) e in 1’34.944 (Gara 2, 10° giro)

• Temperatura in Gara 1: aria 28° C, asfalto 54° C

• Temperatura in Gara 2: aria 29° C, asfalto 50° C

• Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO™ Superbike in gara: 272 km/h, realizzata In Gara 2 da Eugene Laverty (Milwaukee Aprilia) al 4° e 5° giro


Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin