Peugeot Italia, quarant’anni di rally


Compleanno importante per le competizioni di Peugeot Italia. Nel 2019 la Filiale nazionale festeggia 40 anni di trofei, per lo più nei rally. Un credo, una missione, una presenza costante nelle gare italiane fin dal lontano 1979.

Da una parte la squadra ufficiale pluridecorata con ben 11 vittorie assolute negli ultimi anni, in parte conquistate dalla coppia Paolo Andreucci e Anna Andreussi, dall’altra i tanti piloti che corrono costantemente con le auto della Casa francese nelle oltre 15 gare che compongono il calendario. Quest’anno tutto confermato con tre trofei monomarca aperti ai piloti privati e la novità del quasi «pensionato» Paolo Andreucci che diventa coach di Peugeot nell’accompagnare con la sua esperienza le giovani leve verso la sua fantastica carriera.

Lo staff PSA con a capo Carlo Leoni presenta la stagione rally 2019. Al momento è ancora presto per parlare di Citroën, che con la nuova C3 R5 è stata designata come arma per puntare al Campionato Italiano Rally assoluto con Luca Rossetti e Eleonora Mori. Riflettori dunque puntati su Peugeot che proseguirà invece con la 208 R2B 1600 a trazione anteriore per puntare al titolo riservato alle vetture a due ruote motrici. I piloti designati a ripercorrere le orme di Damiano De Tommaso, Marco Pollara, Giacomo Scattolon, Stefano Albertini e Michele Tassone, giusto per ricordare gli ultimi protagonisti, sono Tommaso Ciuffi (25 anni di Firenze) e Nicolò Gonnella (23 anni di S. Stefano Bembo-CN). I due ragazzi hanno vinto il Trofeo 208 Top Competition nel 2018 e come premio quest’anno correranno da ufficiali nel campionato italiano con il supporto della casa madre.

Alla presentazione si sta per sollevare il telo che copre la 208 di Ciuffi-Gonnella quando dall’altra parte della sala si sente un grido: «Aspettate, ci sono anch’io». Come in un finale a sorpresa si rivede Paolo Andreucci, il 53enne di Castelnuovo Garfagnana provincia di Lucca, campione italiano in carica e vincitore di 11 titoli di cui gli ultimi 8 con Peugeot. Conclusa la sua lunga epopea sportiva in seno a Peugeot alla fine di ottobre è stato lui l’uomo che ha alimentato le voci di mercato durante l’inverno che lo immaginavano al volante di altre vetture. Paolo però all’ultimo momento, nonostante la grande voglia di continuare a mettersi sempre in gioco, ha deciso di guidare meno ma di rimanere legato a Peugeot Italia. Correrà poco nel 2019, forse qualche gara su terra e magari il rally mondiale in Sardegna sempre con la vecchia 208 R5. Ucci, come lo chiamano i suoi tifosi seguirà le giovani leve, continuerà a fare il testimonial per Peugeot e lavorerà sulla messa a punto delle nuove vetture come la prossima 208 R2 turbo che arriverà verso la fine del 2019 e nello sviluppo dei pneumatici Pirelli.

Presente in Italia dal 1979, primo anno anche del Campionato del Mondo Rally, dal 1989 Peugeot è il marchio numericamente più presente nei rally italiani (nel 2018 la quota è stata del 35,9%). La maggior parte dei piloti più veloci della nostra serie come ad esempio Andreucci, Rossetti, Travaglia, Aghini è passata da qui e ha corso poi con le vetture curate dalla famiglia Fabbri a Cesena, da anni legata alla Filiale Italiana. Anche per il 2019 i clienti e i proprietari di vetture Peugeot da competizione non saranno delusi. Sono state riconfermate tre serie: il 208 Rally Cup Top, sei gare nel Campionato Italiano rally; il 208 Rally Cup Pro, 5 gare nell’IRC Pirelli e il Rally Regional Club in tutte le gare e aperto a tutte le auto del Leone comprese le non più prodotte 106, 206 e 207 (qui il sito).

Ricchi montepremi in denaro e penumatici Pirelli nelle gare e alla fine, assistenza sportiva, promozione e consulenza per tutte le problematiche tecnico sportive della specialità. Poi per il migliore anche una scorciatoia per il professionismo. Chi vincerà il Trofeo 208 Rally Cup Top con la 208 R2B (se sarà un under 28) diventerà il prossimo equipaggio di ufficiale di Peugeot nei rally. La storia continua.

6 febbraio 2019 (modifica il 6 febbraio 2019 | 16:46)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Pagina Ufficiale: http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Autore dell'articolo: admin