Perché in Germania non si possono adottare cani sotto Natale


germania cani adottati



Se vivete in una grande città tedesca e desiderate adottare un cane, dovrete aspettare l’anno nuovo. I principali canili di Germania hanno infatti bloccato temporaneamente le adozioni per contrastare una malsana pratica natalizia: quella di chi, in cerca di regali, decide di procurarsi un cucciolo andando a prelevarlo in queste strutture, per risparmiare o per mancanza di trovate migliori. Chi riceve il dono, però, a volte non gradisce: occuparsi di un animale è sempre impegnativo e di sicuro è una pessima idea regalarne uno senza sapere cosa ne penserà il destinatario. La bestiola finisce quindi per essere riportata presso lo stesso canile dal quale era stata presa, magari nemmeno 24 ore prima, se non abbandonata per strada. 

“Gli animali non sono regali”

“Lo stop temporaneo serve a far sì che gli animali non finiscano sotto l’albero di Natale, perché gli animali semplicemente non sono regali”, ha spiegato a Deutsche Welle un dipendente del canile di Hannover, Arvid Possekel, “idealmente dovrebbero diventare membri della famiglia e di solito non si dà in regalo un membro della famiglia”.

“È davvero triste ma i primi animali vengono abbandonati addirittura il giorno di Natale”, spiega alla testata Gabriele Schwab, del canile di Brema, “se davvero si vuole regalare un animale a qualcuno, allora bisogna recarsi al rifugio prima delle vacanze o a gennaio, non due giorni prima di Natale”.

Secondo Possekel, adottare un cane o un gatto sotto Natale è sconsigliabile anche per chi sia lieto di accogliere in famiglia un nuovo membro a quattro zampe. “Un animale arriva a casa nel momento più stressante dell’anno”, spiega Possekel, “con lo stress natalizio di guidare di qua e di là e di ospitare un sacco di visitatori, la gente di solito ha troppo poco tempo per aiutare il loro animale ad ambientarsi. Ciò crea una tensione enorme nell’animale, già stressato dall’ambiente nuovo”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it




Link ufficiale: https://www.agi.it/estero/rss

Autore dell'articolo: admin