Per i superstiti del naufragio in Libia ci sarebbero stati 117 morti, tra cui donne e bambini


Per i superstiti del naufragio in Libia ci sarebbero stati 117 morti, tra cui donne e bambini

UNHCR/Frederic Noy 


 Il mare al largo della Libia dove è avvenuto il naufragio




Sono 117, secondo i superstiti, le vittime del naufragio di migranti verificatosi ieri al largo della Libia. Lo riferisce L’Organizzazione internazionale per le migrazioni che ha ascoltato i tre naufraghi – due sudanesi e un gambiano – trasferiti e curati a Lampedusa. Hanno riferito, spiega il portavoce dell’Oim, Flavio Di Giacomo, di essere partiti giovedì in 120 su un gommone che si è sgonfiato dopo circa undici ore di navigazione, e le persone via via sono cadute e la maggior parte sono annegate. Tra le vittime di questa strage dieci donne, una delle quali incinta, e due bimbi, uno di appena due mesi. Provenivano soprattutto da Nigeria, Camerun, Gambia, Costa d’Avorio e Sudan. I tre, che sono traumatizzati e sotto choc ma in buone condizioni di salute, hanno raccontato di essere rimasti tre ore in acqua, prima di essere recuperati, assistendo alla tragedia.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.




Link Ufficiale: https://www.agi.it/cronaca/rss

Autore dell'articolo: admin