Passioni di uno strafottente individualista



E’ fin troppo facile dirlo, con il senno di poi: un romanzo come Les mal partis di Sébastien Japrisot – uscito nel 1950, quando l’autore era ancora teen ager, e ora uscito per la prima volta in italiano con quasi settant’anni di ritardo, sotto il titolo La cattiva strada (traduzione di Simona Mambrini, Adelphi, pp. 224, 16,00) era destinato a non avere séguito: a rimanere, nella sostanza anche se non di fatto, un’opera unica, esattamente come il libro d’esordio di … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin