Pasolini a lezione da Gramsci. Il testo è un ordigno della resistenza



Il recente studio di Paolo Desogus, Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema (Quodlibet, pp. 190, euro 20), si concentra con acume e profondità di metodo su quella particolare modalità di autoriflessione poetica, esposta e persino urlata, che lo scrittore corsaro ha letteralmente messo in scena nei suoi lavori, anzitutto quando questi si collocano in una fase della vita culturale e civile che segna il perdurante tracollo della dimensione umanistica. Desogus definisce come opere-laboratorio quegli ordigni testuali che, esibendo … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin