Paolo Gentiloni si candida alla presidenza della Commissione UE?


Il PSE vorrebbe candidarlo, lui risponde: “Sono onorato e lusingato, ma impegnato in Italia”.

Paolo Gentiloni candidato come Presidente della Commissione UE

Paolo Gentiloni è stato ieri alla consegna dei diplomi di Executive Master in leadership politica alla Luiss e i ragazzi della radio gli hanno chiesto che cosa ne pensasse del fatto che il PSE (Partito socialista europeo di cui fa parte il PD) ha fatto il suo nome come prossimo presidente della Commissione Ue. Gentiloni ha risposto dicendo di essere lusingato e onorato, ma poi ha aggiunto: “Ci sono tanti e autorevoli nomi e io mi sento impegnato qui in Italia“.

Gentiloni ha detto che secondo lui la sinistra in Europa “ha osservato con molta attenzione cosa sta accadendo da noi dopo la manifestazione di domenica” e ha spiegato che “il Pd in definiva si sta mettendo in sesto”.

Durante la sua lectio alla Luiss Gentiloni ha raccontato alcuni aneddoti, come la chiamata di Pierferdinando Casini (anch’egli presente alla cerimonia) subito dopo aver ottenuto l’incarico da Premier per dirgli che aveva avuto “fortuna”. Poi ha fatto una riflessione sulla comunicazione:

“Attenzione a non essere schiavi della comunicazione: i politici sono sollecitati h24. Non è detto che questo aumenti popolarità anzi io consiglierei di rallentare un attimo, la sovraesposizione mediatica fa male e fa male alla politica. La gente pensa che i politici passino il tempo a discutere in Tv arrivando con le auto blu in trasmissione”

Che sembra tanto un monito ad alcuni degli attuali ministri. Sui suoi 530 giorni da Premier Gentiloni ha detto:

“L’idea che mi sono fatto è che il presidente del Consiglio e Palazzo Chigi siano una nave ammiraglia che deve guidare imbarcazioni la cui stazza però è addirittura superiore”

E infine ha parlato della sua immagine dando una risposta che sembra anche una frecciatina a Matteo Renzi, che aveva detto che “l’algida sobrietà non fa sognare il popolo”, nonostante Gentiloni, secondo i sondaggi, sia il preferito tra tutti gli uomini del Pd, e infatti ha detto:

“Io credo che si debba dare al Paese un’idea rassicurante e rasserenante della leadership. Io ho cercato di essere il più sobrio possibile e ha funzionato visto che il mio governo è partito come uno dei più impopolari del dopoguerra e alla fine le cose sono parecchio migliorate”




Link Ufficiale: http://www.blogo.it/rss

Autore dell'articolo: admin