Opposte retoriche di sovranisti e no-borders



Da un lato i sovranisti patriottici, dall’altro gli internazionalisti no borders; senza possibilità di dialogo. Un conflitto irriducibile che porterà altre separazioni. Così, via via, il pensiero critico si scompone, sino a scomparire, inciampando su se stesso. Presi dal furore polemico – o dalla paura del vuoto – non ci si avvede dei propri limiti che sono esattamente quelli che gli uni contrappongono agli altri. I sovranisti rischiano di smarrire la dimensione globale, gli internazionalisti dimenticano quella locale. «Pensare globalmente, … Continua


PAGINA UFFICIALE: https://ilmanifesto.it/feed/

Autore dell'articolo: admin